x-ray-of-clavicle-fracture

La frattura della clavicola: la guida essenziale

Questo tipo di osso tende a guarire spontaneamente più velocemente di tutti gli altri.

Sono lesioni comuni negli individui giovani e attivi, in particolare coloro che partecipano ad attività o sport in cui sono frequenti cadute ad alta velocità (ad esempio, bicicletta, motocicletta) o collisioni violente (ad esempio, calcio, hockey).

Rappresentano circa 2,6 % di tutte le fratture (1).

Meccanismo di frattura della clavicola:

Un colpo diretto sulla spalla è il meccanismo di lesione più comunemente documentato che produce una frattura della clavicola.

Ciò può verificarsi in diversi modi, tra cui la caduta da un veicolo in corsa o dalla bicicletta, durante un evento sportivo, un incidente automobilistico/motociclistico, traumi sportivi, o da caduta dall'alto, come nello sci e snowboard.

Quali sono le zone principali in cui si verifica una frattura della clavicola:

  • La percentuale più alta della frattura della clavicola si verifica alla giunzione del terzo medio (85%);
  • Una percentuale molto ristretta all'estremità prossimale della clavicola (5%);
  • La frattura dell'estremità distale è rara (10%).

terzo-prossimale-distale-e-medio-nelle-fratture-di-clavicola

Come individuare una frattura di clavicola:

Per prima cosa potresti percepire:

  • Molto dolore;
  • Gonfiore;
  • Deformità e incapacità di alzare la spalla.

Raramente, potrebbe presentarsi anche una pseudo-paralisi del braccio colpito.

Il frammento di frattura più vicino al collo (frammento prossimale) viene spostato superiormente, diventando visibile e palpabile.

Il frammento laterale, invece, tende a cadere a causa del peso del braccio e della trazione del grande pettorale.

È necessario prestare particolare attenzione nei bambini, perché il frammento di frattura non è sempre visibile.

dislocazione-del-frammento-prossimale-e-laterale-nelle-fratture-di-clavicola

Nelle fratture scomposte di clavicola, in particolare, viene assunta una specifica posizione definita di "difesa", in cui la mano del braccio controlaterale (opposto), sostiene il gomito dell'arto danneggiato, e la testa tende ad inclinarsi verso la zona fratturata, facendo sì che le strutture muscolari che intervengono sulla clavicola, possano diminuirne la funzionalità.

Il corpo tende ad assumere questa posizione in automatico, per evitare una maggior scomposizione dei frammenti ossei, i quali potrebbero causare maggiori lesioni, oltre ad un aumento del dolore percepito.

posizione di difesa assunta dopo una frattura della clavicola

Possibili complicazioni che possono insorgere in seguito ad una frattura della clavicola:

Le complicanze immediate:

Sono rare, ma possono essere anche molto gravi, come le lesioni polmonari e della pleura (lo strato che riveste i polmoni).

Le complicanze tardive:

  • le pseudoartrosi;
  • viziose consolidazioni (visibili a causa di un rigonfiamento sulla clavicola, dovuta ad un'eccessiva formazione di callo osseo);
  • compressioni vascolari e nervose (entrambe le strutture passano posteriormente alla clavicola, per giunta, la morfologia ossea può cambiare in seguito ad una frattura, e un mal consolidamento scheletrico potrebbe essere “d’ingombro” andando a comprimere il fascio di nervi del plesso brachiale e la vena succlavia che, dipartendosi dal collo, raggiungono le estremità degli arti superiori).

anatomia della vena succlavia e del plesso brachiale nelle fratture di clavicola

Quali terapie vengono effettuate in caso di frattura claveare:

Trattamento conservativo:

Nei bambini (e neonati) la guarigione dell'osso è spontanea.

Imbracatura a polsino e colletto per le fratture non scomposte di clavicola;

Il bendaggio a 8 è comunemente usato e agisce ritraendo il cingolo scapolare, minimizza la sovrapposizione e consente una guarigione più anatomica.

Trattamento chirurgico:

È indicato in caso di spostamenti ed esposizioni di fratture e consiste nella riduzione aperta e fissazione interna rigida.

I metodi comuni di fissazione interna sono:

  • Fissazione intramidollare con fili di Kirschner;
  • Placca rigida e fissaggio a vite con placca di ricostruzione AO semitubolare o pelvica.

operazione di frattura della clavicola tramite osteosintesi dei frammenti ossei con placca e viti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *